💥💥💥L’ossido di grafene e i nanobot nei vaccini Covid entrano nel mainstream. La celebre rivista Spectator Australia titola : “Wot’s in the shots?Graphene oxide? Nanobots”?

Evidentemente la forza della verità è inarrestabile!

Spectator Australia riporta (5 novembre):

Cosa contengono i vaccini Pfizer? Di recente, il dottor David Nixon, medico di base di Brisbane, ha deciso di scoprirlo, mettendo al microscopio in campo oscuro le gocce di vaccino e il sangue dei pazienti vaccinati.

Si tratta di una decisione più radicale di quanto possa sembrare. Secondo Sasha Latypova, scienziata con 25 anni di esperienza in studi clinici per aziende farmaceutiche, il contratto tra Pfizer e il governo statunitense vieta ai ricercatori indipendenti di studiare i vaccini. Sostengono che ciò “distoglierebbe” queste preziose risorse dall’uso previsto per soddisfare un bisogno “urgente”.

È vero in Australia? Chi lo sa? Tutto ciò che il Dipartimento della Salute del Commonwealth ha dichiarato in merito al contratto con Pfizer è che si tratta di un contratto commerciale di fiducia.

La Therapeutic Goods Administration esegue test su tutti i vaccini Covid per verificarne la composizione e la resistenza, la purezza e l’integrità, l’identità e le endotossine, ma fornisce pochi dettagli se non i numeri dei lotti testati e il loro superamento. (Spoiler: l’hanno superato).

Negli Stati Uniti, il Centers for Disease Control afferma specificamente che tutti i vaccini Covid-19 sono privi di “metalli, come ferro, nichel, cobalto, litio e leghe di terre rare” e “prodotti fabbricati come microelettronica, elettrodi, nanotubi di carbonio e semiconduttori a nanofili”.

In particolare, questo elenco non include l’ossido di grafene, che è stato ampiamente studiato per applicazioni biomediche. Alcuni ricercatori ne cantano le lodi, la sua “elevatissima efficienza di caricamento dei farmaci grazie all’ampia area superficiale”, la sua eccezionale “costanza chimica e meccanica, la sublime conduttività e l’eccellente biocompatibilità”. Ma c’è una fregatura. L’effetto tossico dell’ossido di grafene sulle cellule e sugli organi viventi” è “un fattore limitante” per il suo utilizzo in medicina.

Quindi c’è ossido di grafene nei vaccini della Pfizer? Ciò che Nixon ha trovato e filmato è a dir poco bizzarro. All’interno di una goccia di vaccino si trovano strane strutture meccaniche. All’inizio sembrano immobili, ma quando Nixon ha usato la fotografia time-lapse per condensare 48 ore di filmati in due minuti, ha mostrato quelle che sembrano braccia meccaniche che assemblano e smontano strutture rettangolari luminose che sembrano circuiti e microchip. Non si tratta di “prodotti fabbricati”, secondo le parole del CDC, perché si costruiscono e decostruiscono da soli, ma la formazione dei cristalli sembra essere stimolata dalle radiazioni elettromagnetiche e si arresta quando il vetrino con il vaccino viene schermato da un sacchetto di Faraday. Le scoperte di Nixon sono simili a quelle dei team di Nuova Zelanda, Germania, Spagna e Corea del Sud.

Un gruppo italiano guidato da Riccardo Benzi Cipelli ha analizzato il sangue di oltre 1.000 persone, un mese dopo la vaccinazione, che erano state sottoposte a esami perché avevano manifestato effetti collaterali. L’età variava dai 15 agli 85 anni e avevano ricevuto da una a tre dosi. Più del 94% presentava letture anomale, globuli rossi deformati, ridotti nella conta e raggruppati intorno a oggetti estranei luminescenti che attiravano anche ammassi di fibrina. Alcuni degli oggetti estranei punteggiavano il sangue come una notte stellata, altri si autoassemblavano in strutture cristalline e altri ancora in rami e tubi spinosi.

Gli italiani ritengono che gli oggetti siano particelle metalliche e dicono che assomigliano “all’ossido di grafene e forse ad altri composti metallici”. Ritengono che il sangue danneggiato contribuisca ai disturbi della coagulazione post-vaccino, che a loro volta contribuiscono all’aumento dei tumori maligni, mentre i materiali della famiglia del grafene sono associati allo stress ossidativo, ai danni al DNA, alle infiammazioni e ai danni alle parti del sistema immunitario che sopprimono i tumori.

L’intruglio di mRNA artificiale, che viene “nascosto” al sistema immunitario del ricevente, è anche in grado di ridurre la funzione immunitaria del ricevente, aumentando la probabilità di tumori nuovi o ricorrenti.

Nixon ha condiviso le sue scoperte con Wendy Hoy, professore di medicina presso l’Università del Queensland, che ha invitato il governo australiano e le sue autorità sanitarie a spiegare l’apparente formazione spontanea di chip e circuiti nei vaccini a base di mRNA quando vengono lasciati a temperatura ambiente e gli oggetti anomali che si possono osservare nel sangue delle persone vaccinate. Hoy ritiene che questi oggetti “contribuiscano indubbiamente a un cattivo apporto di ossigeno ai tessuti e a eventi di coagulazione, tra cui infarti e ictus” e chiede perché non vi sia un’indagine autoptica sistematica sui decessi per indagare sul ruolo del vaccino nel drammatico aumento della mortalità in Australia.

Secondo gli ultimi dati dell’Australian Bureau of Statistics, a luglio l’eccesso di mortalità ha superato il 17%. L’aumento è analogo in altre popolazioni altamente vaccinate.

In Germania, l’eccesso di mortalità nelle persone con più di 60 anni è aumentato del 174% tra il 20 settembre 2021, quando l’85% delle persone con più di 60 anni era completamente vaccinato, e l’ottobre 2022.

Nel Regno Unito, negli ultimi tre mesi si sono registrati più decessi in eccesso che in qualsiasi altro momento della pandemia o dal 2010. Nella settimana più recente, l’eccesso di mortalità in Inghilterra è stato del 16%.

Negli Stati Uniti, l’eccesso di mortalità nelle persone di età compresa tra i 25 e i 44 anni e tra i 75 e gli 84 anni è del 18%, mentre è del 15% nelle persone di età compresa tra i 65 e i 74 anni.

La situazione è ancora più allarmante perché ora dovrebbero esserci meno decessi, dato che molte persone sono morte prima della pandemia. C’è stato anche un drammatico aumento delle persone con disabilità.

Per quanto riguarda il Covid, in Australia l’efficacia del vaccino sembra essere negativa, a giudicare dalle statistiche del NSW, che sono tutt’altro che perfette ma le migliori in Australia. Esse mostrano che l’88% delle persone decedute erano vaccinate, anche se rappresentavano solo l’85,5% della popolazione. Hanno anche dimostrato che i non vaccinati rappresentavano solo lo 0,15% delle persone ricoverate in ospedale con Covid e solo l’1,1% delle persone in terapia intensiva.

Perché? Quasi certamente, perché i non vaccinati che muoiono di Covid nel NSW sono anziani e fragili con comorbidità multiple, vivono in strutture di assistenza agli anziani o in cure palliative o a casa, e non vanno in ospedale. Perché non sono stati vaccinati? Probabilmente perché loro o i loro medici temevano che li avrebbe uccisi.

La domanda è: quante altre persone sta uccidendo? Finché le autorità sanitarie non ci diranno cosa c’è nelle iniezioni, non lo sapremo.

Link all’articolo: Wot’s in the shots? | The Spectator Australia

https://spectator.com.au/2022/11/wots-in-the-shots/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...