🛑 Saggio sulla strategia per l’Europa continentale 2030: Il Vaticano đź›‘



Nei saggi del 2018 sono state descritte le strategie dell’Europa continentale, a cui si sono aggiunti successivi sviluppi per singole regioni e territori del continente. Nel dettagliare le strategie per il periodo fino al 2030, ha senso e interesse fornire caratteristiche separate per il Vaticano, la vecchia aristocrazia/monarchia e le forze nazionali conservatrici, che in precedenza erano quasi sempre considerate come un’unica entitĂ . Iniziamo l’analisi delle strategie con il Vaticano.
Non è piĂą un segreto che le prospettive per l’Europa continentale oggi siano tutt’altro che ottimali, nonostante il tenore di vita relativamente elevato e l’illusione della prosperitĂ . Nell’ultimo anno sia la situazione attuale che le previsioni per le forze conservatrici europee si sono fatte ancora piĂą fosche. La politica liberale dell’UE, promossa e sostenuta dagli anglosassoni, il confronto con la Russia e la rapina del loro alleato piĂą fedele da parte degli Stati hanno notevolmente indebolito la soggettivitĂ  e le potenzialitĂ  dei governi nazionali europei, accelerando ulteriormente tutti i processi negativi.
Il Vaticano è uno dei poteri di rete piĂą antichi e potenti, tale, in linea di principio, può esistere con successo per secoli, ma per questo ha bisogno di un’ampiezza di approcci e universalismo. La perdita di equilibrio porta all’indebolimento, che si vede chiaramente nell’esempio di questo un tempo il piĂą forte “attaccante” d’Europa, che gradualmente è sceso al livello di uno dei giocatori impliciti del secondo o terzo piano.
I cambiamenti catastrofici in atto nel mondo offrono una possibilità di parziale rinascita, ma non è affatto scontato se la Santa Sede saprà sfruttarla.
Errore geostrategico del Vaticano
Quando si studiano i poteri della rete (Vaticano, Comintern, Finintern, ecc.), si potrebbe avere l’impressione che il loro destino sia manipolazioni segrete, scioperi coperti, piani a lungo termine e lavori esclusivamente con significati, e che i conflitti armati diretti non siano tipici per loro affatto. In realtĂ , l’attuale posizione di indebolimento ei problemi del Vaticano sono in gran parte determinati proprio da questo piano di autolimitazione. Le azioni armate non sono prerogativa di poteri / imperi marittimi e terrestri, anche i poteri di rete spesso hanno bisogno di tali modi per risolvere le contraddizioni. Ma questo richiede risorse.
Per i poteri della rete, i significati (religione, ideologia) servono come base della motivazione per la lotta armata. Le forme delle strutture progettate per risolvere questi problemi sono diverse, vanno dalla creazione di ordini monastici alla coesione di gruppi di estremisti e terroristi di ogni genere (rivoluzionari, di sinistra, BLM, islamisti, ecc.). Se un potere di rete vuole essere stabile, forte ed equilibrato, ha bisogno di guerrieri professionisti motivati (ideologici o di fede), ognuno dei quali sia in grado di trasformare rapidamente una marmaglia armata semi-casuale in un esercito e poi guidarli. QualitĂ  di queste persone:
– piena accettazione dei significati sottesi all’ordine e al potere di rete;
– rigida gerarchia, sottomissione, abnegazione, abnegazione, umiltĂ  (tratti della personalitĂ );
– un modello di comportamento culturale e / o sociale comune, fraternitĂ  militare, principi uniformi di educazione, istruzione, socializzazione, ecc .;
– requisiti di input estremamente elevati;

– Un altissimo livello di professionalitĂ , formazione lunga e costante (superiore alle migliori PMC);
capacità di formazione molto elevate, trasferimento di esperienza alle “reclute”;

– Elevata intelligenza e abilitĂ  sociali;

– La motivazione non si basa sui beni materiali, ma sul servire gli obiettivi;


– Scelta degli obiettivi – per la vita, accesso solo al meritato riposo / pensione.

Cioè, non stiamo parlando di “cani da guerra” e non di “macchine per uccidere”, ma di fanatici ossessionati dal raggiungimento dell’obiettivo, “rivoluzionari focosi” o una specie di “paladini”. Queste persone si danno completamente alla lotta, all’impresa e al miglioramento. Idealmente, un piccolo gruppo di loro dovrebbe essere sufficiente per creare una situazione militare/rivoluzionaria in un piccolo paese.

Questi tipi sono ben noti nella narrativa. Le persone della vecchia generazione devono ancora ricordare quanto fosse popolare l’eroe del romanzo di Ethel Voynich “The Gadfly” tra gli adolescenti sovietici. Ci sono cose del genere nella vita. Le caratteristiche sopra elencate sono dimostrate, ad esempio, da singoli rappresentanti dei vertici degli ordini sciiti, si ricorda il generale assassinato Qasem Soleimani. Non ci possono essere molte persone adatte ai requisiti a causa del loro reclutamento e livello proibitivi, ma sono queste persone che dovrebbero formare il nucleo della struttura armata del potere di rete. Ernesto Che Guevara può servire da buon esempio qui: non solo ha messo le sue idee sulla carta, ma le ha anche messe in pratica.



Questo principio di attitudine alla formazione di specialisti unici è alla base dell’approccio dei poteri di rete a vari campi di attività. Attualmente il Vaticano lo utilizza esclusivamente per la formazione e l’istruzione dei sacerdoti. Di conseguenza, parallelamente al servizio del Signore e del gregge, formano il sistema di raccolta di informazioni / rete di intelligence più forte e consolidato al mondo, che è diffuso in gran parte del mondo.

Il termine per ottenere l’istruzione superiore prima degli studi di dottorato nel sistema vaticano è di almeno 12 anni, molti credenti cattolici (non solo loro possono studiare) prendono la dignità, il celibato, il voto di non possesso, ecc. Il risultato è uno specialista preparato di altissimo livello nel campo della teologia, delle scienze sociali, dotato di eccellenti capacità nella raccolta, sistematizzazione e analisi delle informazioni. La cosa più insolita è la fedeltà, la lealtà e l’assenza di tradimento. Distaccate presso le missioni/parrocchie di tutto il mondo, queste persone indirizzano tutte le loro forze, energie e spirito al servizio, svolgendo contemporaneamente attività altamente professionali nell’interesse dell’intelligence vaticana.


Sullo sfondo del mantenimento di approcci comuni, il rifiuto di uno sviluppo globale ed equilibrato, che significa principalmente l’indebolimento e l’eliminazione dei propri strumenti militari e del proprio sostegno di potere, può essere tranquillamente considerato come il più importante errore geostrategico del Vaticano negli ultimi secoli. La concentrazione sulle sfere dell’intelligence, finanziaria, umanitaria e religiosa è logica e comprensibile (vedi Fig. 1), ma l’evirazione e la smilitarizzazione delle strutture dell’ordine hanno portato a un generale indebolimento della struttura. Si può presumere che se, oltre ai missionari, il Vaticano inviasse “cavalieri” nei paesi dell’Africa e dell’America Latina, ad es. soldati con funzioni di caschi blu, istruttori e organizzatori, la sua influenza in questi paesi sarebbe dominante.

Inoltre, molti militari attivi e in pensione in Europa, tradizionalmente detentori di convinzioni conservatrici, avrebbero la possibilità di orientarsi verso Roma e i suoi ordini. Nei prossimi tempi difficili, è il Vaticano che diventerà il nucleo e il centro di raccolta di tutta l’Europa. Tuttavia, la mancanza di un ampio pensiero strategico, il conformismo, la dipendenza da modelli secolari, ecc. nemmeno permesso di gettare le basi per un gioco indipendente.

Nelle condizioni attuali, le possibilità di prendere forza e assemblare sotto il condizionale “Quarta Roma” sono basse. Il Vaticano non può che applicare tutta la sua influenza per salvare almeno una parte delle terre storiche, anche se per questo sarà necessario aiutare la Russia più vicina al 2030 nell’ambito della strategia Terza Roma / Gendarme d’Europa.

E, sì, non dobbiamo dimenticare il ruolo del Catholic Center Party in Germania negli anni ’30, senza il cui aiuto Adolf Hitler non sarebbe potuto salire al potere e che poi si è sciolto, dopodiché i suoi membri si sono uniti ai nazionalsocialisti in ranghi amichevoli. ..

Pertanto, accetteremo una tesi alquanto inaspettata secondo cui le forze armate sono necessarie tanto per i poteri di rete quanto per i poteri di altro tipo, ma assumono un formato diverso, il più delle volte si manifesta sotto forma di ordini e gruppi di ideologicamente carichi estremisti. Idealmente, le truppe di un potere di rete rappresentano un numero ristretto di individui motivati e super professionali che sono in grado non solo di svolgere il compito da soli, ma anche di formare e organizzare gli altri. Diversi secoli fa, il Vaticano si è sbarazzato di tali strutture e persone, lasciando principi simili di formazione e formazione solo nella sfera spirituale e intellettuale, ma il risultato è stato tutt’altro che dei migliori.

Globalizzazione in disgregazione, questi ultimi, per sopravvivere, cercheranno di attuare la propria strategia e non saranno sepolti sotto le macerie dell’Europa.

E, sì, la questione strategica più importante per il Vaticano da parte della Russia è l’abolizione dell’Unione greco-cattolica, in modo che alcuni galiziani allo stesso tempo diventino un sub-ethnos di polacchi-cattolici, e il resto diventi Rusyn ortodossi, altrimenti questo veleno psicostorico non si esaurisce …

Pertanto, si può timidamente presumere che dopo il completamento della spinta attiva della transizione liberale verso un “mondo globale per l’élite” alla fine del 2021, una delle cui vetrine è stata il Papa, il Vaticano, inviando messaggi multidirezionali segnali, concentrando le risorse e aumentando la gestibilità del sistema, passati a una politica multi-vettoriale diversa dal corso principale dell’Occidente. Non c’è dubbio che questa tendenza continuerà nei prossimi anni.

– Prosecuzione del percorso verso la liberalizzazione, con la perdita della componente religiosa e la trasformazione in una delle piĂą potenti corporazioni transnazionali [Mondo globale per l’élite];

– Retrocessione ortodossa con il rifiuto della maggior parte delle decisioni del Concilio Vaticano II, duro lavoro missionario, riconquista dell’Europa cattolica con l’aiuto dell’Iberoamerica, dell’Africa nera e … della Cina battezzata [scenari catastrofici].


I problemi del Vaticano risiedono molto probabilmente nell’irraggiungibilità e/o nell’elevata complessità del percorso (più lunga è la traiettoria, più sono necessari cambiamenti interni) ad alcune delle strategie (Fig. 2). Non ci sono particolari difficoltà nel collegarsi, ad esempio, alla strategia russa “Terza Roma / Gendarme d’Europa”, richiederà una certa conferma di soggettività e assistenza per garantire un calo della tensione tra la popolazione e le élite nel 2026-2027, che sarà importante dopo un tentativo fallito di costruire un’Europa unita nazional-liberale (2024-2026/27). Questa è l’opzione più semplice e affidabile.

Per quanto riguarda l’Europa occidentale, si può inserire solo uno dei giocatori nel caos del New Hansa. I tentativi di continuare il progetto “Pace globale per i prescelti” promuovendo il capitalismo inclusivo sono condannati, questa opzione futura è diventata uno scenario improbabile, se non miracoloso, il livello di tensione e conflitto è cresciuto troppo nel mondo.

Costruire la “Quarta Roma” richiede una mancanza di interesse / forte coinvolgimento in ciò che sta accadendo nel continente di forze esterne, principalmente i vicini più vicini – Russia e Gran Bretagna, il che non sarà facile, poiché per entrambi il territorio dell’UE dopo il 2026-2027 . diventerà preda legittima e campo di espansione. A causa non solo delle opportunità mancate, ma anche a causa del loro maggiore indebolimento sullo sfondo del Covid-19 e del conflitto sul territorio dell’Ucraina, il rilancio di una strategia indipendente delle forze europee è ora possibile solo attraverso la rinascita / formazione di forze nazionali potenze (Polonia, Ungheria, Austria, altri paesi slavi e tedeschi) con successiva unificazione in una nuova unione/blocco, cioè non prima del 2040.

Fig 2




Quasi tutte le opzioni per il futuro dell’Europa contengono la possibilitĂ  di una transizione verso “terre selvagge” con degrado e degrado. In questo caso, il Vaticano ha ancora la possibilitĂ  di lanciare una riconquista, riportare il continente all’ombra del cattolicesimo, ma questa non sarĂ  piĂą una strategia dell’Europa, ma una variante del RCC. Questo percorso si aprirĂ  con uno sviluppo catastrofico di eventi e / o un’invasione di neo-barbari, ad es. con una forte distruzione dei resti della civiltĂ  dell’Europa occidentale.
Una questione a parte è se il Vaticano può spostarsi dall’Europa, ad esempio, all’America Latina. In caso di grave deterioramento e caos nel continente, il trasferimento di parte delle funzioni in altre regioni del pianeta non desterĂ  sorpresa e non attirerĂ  molta attenzione. La posizione principale e ufficiale del Papa, come bandiera e capo, rimarrĂ , ovviamente, invariata, e se esiste un potere / stato dominante del Vaticano, sarĂ  in grado di concordare la protezione e la considerazione degli interessi, gli esempi del Terzo Reich e dell’UE liberale sono qui molto indicativi.
Se in Europa si verifica una forte frammentazione e disgregazione degli stati, allora ci sarĂ  una rinascita dell’enclave, lo Stato pontificio condizionato, con il beneficio di risorse per il reclutamento di mercenari cattolici nella stessa America Latina, Africa, ecc. abbastanza.
E, sì, non c’è da stupirsi se alcuni dei combattenti e partigiani del cartello “pentiti” dall’America Latina diventano il nucleo, il prototipo delle formazioni militari del Vaticano e vengono trasferiti in Europa…
Pertanto, è difficile discutere con il fatto che nel quadro del campo strategico comune dell’Europa, il Vaticano è attualmente limitato nelle sue capacitĂ , la perdita di soggettivitĂ  e la caduta della passionalitĂ  sono giĂ  molto profonde nel continente. Alla fine del 2021, il tema del “capitalismo inclusivo” è caduto dall’agenda mondiale e ha smesso di interessare nessuno. Da allora, il Vaticano si è mosso tra le opzioni “Terza” e “Quarta Roma”, assecondando contemporaneamente la formazione dell’Iberoamerica, ma senza rompere i legami con i globalisti. L’unione con la Russia a medio e lungo termine sta perdendo sempre piĂą la sua impensabile eresia e sta diventando piĂą pesante e attraente. Gli avvenimenti degli ultimi anni (Covid-19, ostilitĂ  in Ucraina, rottura economica con la Russia e rapina Usa) hanno ulteriormente minato le prospettive dell’Europa.
Allo stesso tempo, anche con uno sviluppo catastrofico di eventi, il Vaticano ha una variante di un rinascimento conservatore: il lancio della riconquista, la liberazione delle terre d’Europa dal caos, neo-barbari e persone che hanno perso la fede, significati e radici.

Riepilogo

A causa del predominio dei motivi socio-politici su quelli religiosi, il Vaticano, essendo un potere di rete, si è adattato e integrato molto attivamente nel mondo globale, abbandonando volontariamente alcuni strumenti, nonché restrizioni spirituali e dottrinali. Come risultato di miracoli di flessibilità, allontanamento dai canoni, tentativi di stare al passo con i tempi, flirt con liberali e globalisti, dalla metà del XX secolo, Roma ha attraversato una traiettoria di graduale riduzione e perdita delle tradizioni religiose. Dal punto di vista dei globalisti, avrebbero dovuto rimanere solo una parte della continuità storica, mentre lo stesso Vaticano, nel tempo, avrebbe dovuto trasformarsi in nient’altro che una delle corporazioni transnazionali all’interno del mondo globale.

Per le istituzioni religiose che vivono per le epoche, questa è stata una scelta molto strana. Un altro errore strategico del Vaticano è stato il rifiuto della propria forza militare, uno strumento necessario per attuare la politica di un potere di rete. Non stiamo parlando di divisioni, navi da guerra, ecc., la base delle truppe dei poteri di rete (ordini cavallereschi militari) è la selezione, l’addestramento e l’istruzione di professionisti fanatici di livello extra, capaci sia di risolvere autonomamente problemi che di insegnare agli altri, organizzare processi, creare su diversi territori dell’esercito e/o situazioni rivoluzionarie.

Nei prossimi anni, il Vaticano non ha praticamente alcuna possibilità di formare / concentrare una pan-regione sui propri principi. Allo stesso tempo, l’RCC può agire come un partner junior molto forte, alleato e assistente per altre forze, dai liberali globalisti ai resti dei conservatori europei e persino alla Russia. Non dobbiamo dimenticare che, oltre agli innegabili vantaggi, per i suoi potenziali alleati, il Vaticano comporta anche problemi e rischi tangibili, poiché necessariamente incuriosirà e si adopererà per volgere la situazione a suo favore, e anche, per abitudine, cercherà di giocare a lungo per prendere il controllo e il controllo sulle risorse.

E, sì, nei prossimi anni, il Vaticano cercherà diligentemente di “venire allo scoperto” al di sopra di tutte le strategie, cercando di salvare non tanto la componente spirituale quanto quella socio-politica della sua influenza…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...